Regolamento sui mercati dei cripto-asset (MiCA)

L'Unione Europea ha introdotto il Markets in Crypto-Assets Regulation (MiCA) nel giugno 2023, un quadro normativo progettato per governare il settore dei cripto-asset. Questo regolamento di riferimento mira ad affrontare le sfide e i rischi associati all'industria degli asset digitali, che finora ha operato in gran parte al di fuori dei confini delle tradizionali normative finanziarie.

L'introduzione del MiCA segna uno sforzo significativo da parte dell'UE per standardizzare le regole in tutti i suoi Stati membri, garantendo un mercato dei cripto-asset più sicuro, più trasparente e più stabile. Concentrandosi sulla protezione dei consumatori, sull'integrità del mercato e sulla stabilità finanziaria, il MiCA spiana la strada all'adozione mainstream dei cripto-asset, promuovendo al contempo l'innovazione e la crescita del settore. Con l'evoluzione dello spazio degli asset digitali, il MiCA rappresenta un passo avanti fondamentale nella creazione di un quadro giuridico completo che bilanci le esigenze dei consumatori, degli investitori e degli stakeholder del settore.

Regolamento sui mercati dei cripto-asset (MiCA)
Tabella dei contenuti

Obiettivi principali e campo di applicazione

  • Protezione dei consumatori: il MiCA mira a proteggere gli investitori e i consumatori richiedendo informazioni trasparenti e pratiche di marketing corrette, aiutando i consumatori a prendere decisioni informate sui cripto-asset.
  • Integrità del mercato: Il regolamento mira a prevenire gli abusi di mercato, le manipolazioni e le frodi nel mercato dei cripto-asset, creando un ambiente di investimento più sicuro e affidabile.
  • Stabilità finanziaria: Regolamentando le attività significative di cripto-asset, il MiCA intende mitigare i rischi sistemici e garantire la stabilità del sistema finanziario.
  • Innovazione e competitività: Pur regolamentando, il MiCA sostiene anche l'innovazione, assicurando che il settore finanziario dell'UE rimanga competitivo e innovativo, abbracciando responsabilmente i progressi tecnologici.

Disposizioni principali

  • Trasparenza e divulgazione: Gli emittenti di cripto-asset devono pubblicare un libro bianco che illustri il progetto, i rischi e altre informazioni critiche. Le autorità competenti devono approvare questo documento.
  • Autorizzazione e vigilanza: I fornitori di servizi di cripto-asset (CASP), compresi gli exchange, i fornitori di portafogli e altri, devono ottenere l'autorizzazione dalle autorità nazionali competenti per operare nell'UE. Saranno soggetti a una supervisione continua.
  • Misure di protezione dei consumatori: il MiCA include disposizioni specifiche per la protezione dei consumatori, come chiare avvertenze sui rischi, divieto di pratiche ingannevoli e regole sulla governance e sui conflitti di interesse.
  • Resistenza operativa: Le entità devono dimostrare la resilienza operativa contro un'ampia gamma di rischi, comprese le minacce informatiche, per garantire la continuità e l'integrità dei loro servizi.

Impatto e implicazioni

  • Per il mercato delle criptovalute: Il MiCA porterà probabilmente a un aumento dei costi di conformità per le imprese di criptovalute, ma fornirà anche un ambiente normativo più chiaro che potrebbe aumentare la fiducia dei consumatori e facilitare una più ampia adozione di cripto-asset.
  • Implicazioni globali: Essendo uno dei primi quadri normativi completi per i cripto-asset, il MiCA potrebbe servire da modello per altre giurisdizioni, influenzando potenzialmente gli standard globali per la regolamentazione delle criptovalute.

Vantaggi e svantaggi dell'MiCA

Svantaggi del MiCaSvantaggi del MiCa
Certezza giuridicaRegole difficili da rispettare
Regole su misura per le criptovaluteMulte per chi sbaglia
Credibilità ai clienti diffidentiCap per le monete stabili in USD
Una licenza per operare in tutto il bloccoNFT una zona grigia
Attrarre investimenti TradFiNon è chiaro come funzionerà l'applicazione all'estero

Asset crittografici non coperti dal MiCAR

Finanza decentralizzata

La finanza decentralizzata (DeFi) rappresenta un cambio di paradigma nel settore finanziario, offrendo servizi che vanno dal prestito al trading di asset senza intermediari centralizzati. Nonostante il suo potenziale rivoluzionario, la decentralizzazione intrinseca della DeFi pone sfide normative uniche, che spesso sfuggono ai quadri normativi tradizionali come il MiCA. L'assenza di un'autorità centrale di emissione fa sì che alcuni protocolli e asset della DeFi non abbiano la chiara supervisione normativa prevista dal MiCA, navigando in acque che devono ancora essere tracciate da regolamenti UE completi.

Gettoni non fungibili

I token non fungibili (NFT), beni digitali che rappresentano la proprietà o la prova di autenticità di oggetti unici, esemplificano ulteriormente le complessità della regolamentazione delle criptovalute. Data la loro unicità e la vasta gamma di beni che rappresentano, dall'arte digitale ai diritti su beni del mondo reale, gli NFT si trovano in una zona grigia della regolamentazione. L'attuale quadro normativo MiCAR si occupa principalmente di asset fungibili e intercambiabili, lasciando gli NFT in uno spazio liminare in cui le linee guida per la protezione dei consumatori e l'integrità del mercato sono meno definite.

Le criptovalute nell'ambito della normativa vigente

Inoltre, le criptovalute già regolamentate dalle leggi finanziarie esistenti e riconosciute come titoli, derivati o altri strumenti finanziari, rimangono al di fuori dell'ambito specifico del MiCAR. Questi asset continuano a essere regolati da quadri normativi preesistenti, che possono o meno affrontare pienamente i nuovi rischi e le nuove opportunità presentate dall'era digitale.

Classificazioni e requisiti degli asset crittografici

Altri asset crittografici – Titolo II:

MiCAR stabilisce un protocollo fondamentale per i cripto-asset che non si qualificano come Asset-Referenced Tokens (ARTs) o Electronic Money Tokens (EMTs). Gli emittenti di tali asset sono tenuti ad aderire a un regime di notifica completo, garantendo trasparenza e responsabilità. Tra i requisiti principali vi è l'obbligo di redigere, notificare e pubblicare un libro bianco sugli asset crittografici (CA-WP), dettagliando meticolosamente sia il contenuto che la forma, come stabilito dalla MiCAR. Questo documento fondamentale, unito a rigorose linee guida per la comunicazione di marketing, deve essere presentato all'autorità competente, sottolineando la responsabilità dell'emittente per la veridicità delle informazioni fornite. In particolare, le offerte dirette a meno di 150 persone per Stato membro o quelle che non superano un corrispettivo totale di 1 milione di euro nell'arco di 12 mesi sono esenti da queste disposizioni, offrendo un certo grado di flessibilità per le operazioni su scala ridotta.

Gettoni con riferimento al patrimonio (ART) – Titolo III:

L'emissione e l'offerta pubblica di ART sono soggette a una regolamentazione più rigorosa, che riflette il loro potenziale impatto sulla stabilità finanziaria e sulla fiducia dei consumatori. Oltre agli obblighi della CA-WP, le entità che effettuano offerte di ART o che cercano di ottenere l'ammissione alla negoziazione devono ottenere un'autorizzazione, sostenuta da rigorosi criteri di idoneità e correttezza. Sebbene gli istituti di credito CRR siano esenti da questa autorizzazione per l'emissione di ART, essi devono informare le autorità competenti con largo anticipo. Gli emittenti di ART sono inoltre tenuti a rispettare i requisiti di fondi propri, i mandati di composizione delle riserve di attività e le politiche di custodia, assicurando un solido quadro di mitigazione del rischio. È significativo che le ART siano anche tenute a stabilire piani di recupero e di riscatto operativo, per aumentare la resilienza contro le interruzioni operative. Le ART che rimangono al di sotto della soglia di cinque milioni di euro nell'arco di 12 mesi o che si rivolgono esclusivamente a investitori qualificati godono di esenzioni da questi rigorosi requisiti.

Gettoni di denaro elettronico (EMT) – Titolo IV:

Per gli EMT, il MiCA prevede un percorso normativo distinto, allineato ai quadri normativi esistenti in materia di moneta elettronica. Gli emittenti devono ottenere l'autorizzazione come istituti di credito CRR o istituti di moneta elettronica, con un chiaro divieto di concedere interessi sugli EMT. L'emissione e il rimborso degli EMT sono disciplinati dalle direttive MiCA, che richiedono la segregazione di almeno il 30% dei fondi ricevuti e l'investimento del resto in strumenti finanziari sicuri e liquidi. Come gli emittenti di ART, anche gli emittenti di EMT sono obbligati a elaborare piani di recupero e di rimborso, garantendo la continuità operativa e la protezione dei consumatori.

Servizi di criptovaluta – Titolo V:

Centrale nell'architettura del MiCA è l'armonizzazione degli standard prudenziali e di condotta aziendale tra i fornitori di servizi di cripto-asset (CAS-Provider), che comprendono un'ampia gamma di servizi, dalle piattaforme di trading ai servizi di custodia, scambio e consulenza. Questo quadro unificato assicura che tutti i partecipanti al mercato aderiscano a standard coerenti e di alta qualità, promuovendo un ecosistema di cripto-asset sicuro, trasparente e vivace.

Il MiCA si applicherà a partire dal 30 dicembre 2024, ad eccezione dei Titoli III e IV, che si applicheranno a partire dal 30 giugno 2024.

Conclusione

L'introduzione da parte del MiCA di un quadro giuridico unificato per i cripto-asset segna una fase di trasformazione per il mercato degli asset digitali dell'UE, consentendo alle imprese di offrire e servire cripto-asset senza soluzione di continuità in tutti gli Stati membri. Le entità che in precedenza operavano in un ambiente non regolamentato devono ora superare le procedure di autorizzazione e adottare pratiche operative conformi. Nel frattempo, le entità già regolamentate possono evitare l'arduo processo di autorizzazione, anche se devono perfezionare i loro sistemi per allinearsi ai requisiti specifici del MiCA in materia di cripto-asset. Questa evoluzione normativa sottolinea un passaggio cruciale verso una supervisione standardizzata, che promette una maggiore integrità del mercato e una maggiore protezione dei consumatori nel panorama europeo delle criptovalute.

Incontra Rahul Nambiampurath da Kerala, India, uno scrittore freelance esperto specializzato in criptovalute. Rahul ha studiato finanza alla Sikkim Manipal University. È un esperto di criptovalute, tecnologia blockchain, NFT e Web3, la nuova era di Internet. Rahul ha iniziato a esplorare le criptovalute nel 2014. Ha oltre cinque anni di esperi ..